Home » Cocktails Story

La Storia del Aperol Sprizz – Story

11 October 2010 4 Commenti Marco Soragni

L’invenzione dello Sprizz si dice che l’abbiano avuta i soldati dell’impero Austriaco che, durante la loro presenza nel triveneto, trovando molto alcolici i vini locali, si trovarono costretti ad abbassare la gradazione alcolica dei vini veneti e li allungavano quindi con il seltz. Da qui viene preso il nome di questo oramai famisissimo aperitivo, deriva dal verbo tedesco SPRITZEN che significa spruzzare, quindi l’abbrevviativo sprizz.

Le popolazioni locali furono attratte da questa novità nel mondo del bere e vi si avvicinarono, non incontrando però molto successo. Decisero quindi col passare del tempo, quasi paradossalmente, di rafforzare la bevanda poco prima diluita, cercando tra i liquori aperitivi più utilizzati.

Assistiamo quindi la nascita dello sprizz

Negli anni successivi viene conosciuto in altre città, con numerose varianti come l’Aperol, il Bitter, il Campari

Con il passare degli anni la bevanda si diffuse in altre città del Veneto, Friuli venezia Giulia e il Trentino. Nel Friuli e per la precisione nella privincia di Pordenone, lo sprizz con l’aperol prende il nome di FURLAN e viene servito con oliva all’interno. Col tempo l’aperitivo viene conosciuto in tutto il mondo, grazie alla campagna pubblicitaria dell’aperol. Ottimo aperitivo, e non solo, può essere bevuto in tutte le ore, per la sua poca alcolicità.

Si prepara in calice con ghiaccio, aperol, vino spumante e seltz, decorazione fettina di arancia o oliva.

4 Commenti »

  • Renato said:

    Lo spritz = vino bianco e Radenska ( acqua gasata naturale)

    Il furlan bevuto a Trieste fino aglia anni ’80

  • Renato said:

    Lo spritz = vino bianco e Radenska ( acqua gasata naturale)

    Il furlan bevuto a Trieste fino agli anni ’80 = vino bianco + Aperol + gin + amaro Cora

  • Marco Soragni said:

    ciao renato, hai qualche informazione in più sulll’amaro cora?
    grazie

  • LE ORIGINI dell' APEROL SPRITZ - Luca Bonacini said:

    […] L’invenzione dello Spritz si dice che l’abbiano avuta i soldati dell’impero Austriaco che, durante la loro presenza nel triveneto, trovando molto alcolici i vini locali, si trovarono costretti ad abbassare la gradazione alcolica dei vini veneti e li allungavano quindi con il seltz. Da qui viene preso il nome di questo oramai famosissimo aperitivo, deriva dal verbo tedesco SPRITZEN che significa spruzzare, da qui l’abrevviativo spritz. Le popolazioni locali furono attratte da questa novità nel mondo del bere dell’epoca ma vi si avvicinarono, senza troppo entusiasmo.  Decisero quindi col passare del tempo, quasi paradossalmente, di rafforzare la bevanda poco prima diluita, cercando tra i liquori aperitivi più utilizzati. Assistiamo quindi la nascita dello spritz. Negli anni successivi viene conosciuto in altre città, con numerose varianti come l’Aperol, il Bitter, il Campari. Con il passare degli anni la bevanda si diffuse in altre città del Veneto, Friuli venezia Giulia e il Trentino. Nel Friuli e per la precisione nella provincia di Pordenone, lo spritz con l’aperol prende il nome di FURLAN e viene servito con oliva all’interno. Col tempo l’aperitivo viene conosciuto in tutto il mondo, grazie alla campagna pubblicitaria dell’aperol. Ottimo aperitivo, e non solo, può essere bevuto in tutte le ore, per la sua poca alcolicità. Si prepara in calice con ghiaccio, aperol, vino spumante e seltz, decorazione fettina di arancia o oliva. Crediti | Link : Mix Story Fonte:  http://www.mixstory.it/cocktails-story/cocktail-aperol-sprizz-story.html#ixzz2bHm7Ov5B […]

Hai qualcosa da dire?

Inserisci il tuo commento qui sotto o inserisci un trackback dal tuo sito. Puoi anche registrarti ai commenti via RSS.

Nel tuo commento puoi utilizzare i seguenti Tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Subscribe without commenting