Home » Cocktails Story

La Storia del Margarita – Story

3 February 2010 Un Commento Marco Soragni

Il Margarita è un after dinner ed è il più comune cocktail a base di tequila. Nelle altre lingue: Margarita significa “perla” in latino, mentre in spagnolo è la traduzione della parola margherita. Secondo quanto dice William Grimes, autore di “Straight Up or On the Rocks: The Story of the American Cocktail”, ci sono molte persone che affermano di aver bevuto Margarita già negli anni ’30, quindi è facile affermare che il Margarita non fu inventato dopo il 1940, ma molteplici sono le storie su colui che ne fu l’inventore,lascio a voi decretare la più affascinante da raccontare a tutti coloro che si accingeranno a bere un buon Margarita, magari dopo essere caduti dalle vostre labbra.

  • Secondo quanto dice Salvador Negrete, figlio di Daniel (1936), la tradizione di famiglia vuole che Daniel avesse aperto un bar al Garci Crispo Hotel, con suo fratello David, e il giorno prima del matrimonio di David, Daniel presentasse il Margarita come regalo di nozze per Margarita, sua cognata.
  • In Texas, un barman, Pancho Morales inventò il Margarita il 4 di Luglio del 1942, in un bar a Juàrez, chiamato Tommy’s Place. Sembra che una donna avesse chiesto un Magnolia, ma Morales non era certo della ricetta, così improvvisò e la sua creazione divenne un successo.
  • “Carlos “Danny” Herrera (1947-1948) Una showgirl (e talvolta attrice) che si faceva chiamare Marjorie King, era allergica ai liquori, tranne che alla tequila, ma non amava berla col sale e limone, così Herrera cominciò a sperimentare e creò un miscuglio fatto da tre parti di tequila, due parti di Cointreau e una parte di succo di limone. Aggiunse ghiaccio tritato e shakerò,crando una miscela liscia e salata che chiamò Maragarita.
  • Margaret Sames (Dicembre 1948) inventò il cocktail ad Acapulco. Sames usò una parte di Cointreau, tre parti di tequila ed una parte di succo di lime. Sapendo che molte persone bevevano la tequila dopo aver leccato del sale, decise di guarnire il suo cocktail con una crosta di sale.

Un Commento »

Hai qualcosa da dire?

Inserisci il tuo commento qui sotto o inserisci un trackback dal tuo sito. Puoi anche registrarti ai commenti via RSS.

Nel tuo commento puoi utilizzare i seguenti Tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Subscribe without commenting