Home » News

News

 

Registrati alla Newsletter

Esperienza

Autorizzazione Privacy (vedi)

 

 

…oppure…

Puoi Contattarci in qualsiasi momento per ricevere informazioni sul sito, sul nostro lavoro o chiedere semplicemente qualcosa, curiosità, domande tecniche, consigli, ecc…

I nostri Barman sono a disposizione per rispondere ad ogni tuo dubbio!

Contattaci subito all’indirizzo email: info@mixstory.it

9 Commenti »

  • davide said:

    vorrei imparare l’intaglio della frutta e capire la differenza fra store’n pour e speed bottle .

    sono novello

  • Marco Soragni said:

    Ciao Davide, rispondo volentieri alle tue domande:
    Innanzitutto lo store ‘n puor è quel contenitore di plastica nel quale si contengono i succhi di frutta o sour mix nel banco flair, sono costituiti da tre pezzi, il contenitore stesso, il collo o manico per una impugnatura rapida e di veloce versaggio, e il beccuccio che consente una fuoriuscita costante dei liquidi interni.
    Si può chiamare anche speed bottle, da non confondere però con la flair bottle che altro non è che una bottiglia utilizzata dai barman per allenarsi nei vari movimenti freestyler. La bottiglia è di un materiale plastico speciale e pesa quanto una bottiglia in vetro per avere la massima somiglianza nella situazione lavorativa..

    Per ultimo l’intaglio: beh qui non ti posso aiutare… pratica, pratica, pratica… Acquista un libro basico di intaglio, alcuni piccoli strumenti per iniziare (spelucchino e sgorbie, te la cavi con poche decine di euro)… e dacci dentro. poi se hai delle difficoltà in esecuzione ci sentiremo in un secondo momento.

    Buon lavoro!

  • Kathiusha said:

    Ciao,
    scusate il disturbo. Forse la mia domanda vi sembrerà strana ma vorrei un opinione. Dunque: ho 20 anni e sono senza lavoro. Mi piacerebbe lavorare al bar della spiaggia e qualcuno mi dice che se sei bella e hai il seno grande non hai problemi a trovare qualcosa per l’estate e puoi fare anche tanti extra. Io sono abbast. bella (così mi dice mia madre) ma ho solo la 1° di reggiseno e forse mi conviene farmi aumentare molto il seno, sennò non sarò mai soddisfatta? Voi che mi consigliate? Dicono anche che con il seno grande le mance sono strepitose…non so che fare :-(
    Grazie grazie

  • Marco Soragni said:

    Carissima Katiusha, rispondo molto volentieri al tuo quesito, che racchiude la grande problematica della mancanza di opportunità di lavoro per i giovani.
    Tenterò di essero molto chiaro nel risponderti.
    Partiamo dal tuo obiettivo: ricerchi un lavoro ben remunerato a breve termine; la tua strategia su consiglio di “qualcuno” (mi dovresti dire la sua occupazione) è chiaramente ed evidentemente convincente, all’apparenza.
    Entriamo quindi nei dettagli e , supponendo che tua madre abbia ragione a dichiarare che sei una bella ragazza, ora dovresti sottoporti ad intervento chirurgico il quale ti verrebbe a costare molti soldi; da non sottovalutare poi che dovresti aggiungere le spese accessorie per dover rivoluzionare il guardaroba, da maglioni, t-shirt, reggiseni , canotte e vestitini eleganti. Ah dimenticavo, se poi devi andare a lavorare in spiaggia, dovrai cambiare tutto il tuo corredo di bikini. La spesa quindi si fa sentire, ma ora veniamo anche all’aspetto che più interessa te. E’ sicuramente vero che in spiaggia durante la stagione estiva si possono fare bei soldi, è altrsì vero che il lavoro è molto duro sotto il sole e le ore sono pressochè raddoppiate rispetto ad un “normale” lavoro. Quindi è come se tu facessi doppio turno di lavoro. In più hai il fatto che lavori per pochi mesi all’anno e con quei soldi devi campare anche in inverno visto che non potrai di certo sfoggiare la magia del chirurgo plastico a Madonna di Campiglio nelle piste sciistiche.
    Conti alla mano, se tu trovassi un pazzo che ti da 3.000 (tremila) euro al mese per quattro mesi di lavoro. alla media di 12-14 ore di lavoro al giorno…: porteresti a casa la bellezza di 1000 euro al mese, naturalmente vanno tolte le spese mediche che di sicuro il chiosco non ti rimborsa, e tutto il guardaroba come sopra accennato.(come ben vedi ti rimane ben poco, a parte il seno abbondante)
    Tutto questo per poter vendere ghiaccioli, calippi e lecca lecca in spiaggia. Ricordo inoltre che a distanza di pochi anni dovrai andare a far revisionare la carrozzeria e anche questo avrà un costo, sempre maggiore tra l’altro.

    Una scelta intelligente potrebbe essere quella di iscriverti a dei corsi professionali per barman, (a.i.b.e s.) dal costo molto inferiore rispetto ad una chirurgia al seno, e che una volta fatti nessuno te li toglie nè avrai bisogno di rincalzi extra. Chiaro, bisogna studiare, ma in compenso avrai poi un lavoro dignitoso e retribuito decentemente in base alle tuecapacità e non quantità.

    se invece proprio desideri sfondare nel mondo del bar e sfruttare tutte le armi e bisturi a tua disposizione, ti consiglio più che in spiaggia con la carrozzeria evoluta, di mandare il curriculum a locali con tanto di aria condizionata in estate e riscaldamento in inverno, senza problemi di stagionalità , ne tantomeno di clientela. Essi offrono al loro personale una paga direttamente adeguata alle loro prestazioni sin dal primo giorno.

    Qualsiasi sia la tua scelta rimarrò comunque disponibile per ulteriori consigli, su corsi, informazioni di vario genere, chioschi, e locali serali per poter testare la tue capacità professionali al bar e il lavoro svolto dal tuo chirurgo di fiducia .
    In attesa di una tua decisione, distinti saluti. Marco S.

  • Davide said:

    Si si ha proprio ragione Marco..fatti il corso AIBES..io la sto per terminare a Siena..e troppo bello,e se studi il tutto ti inizia a piacere al di fuori del corso,la curiosita diventera tanta…ciao marco, ci vediamo il 12 per l esame, e complimentoni ancora per il sito

  • luigi said:

    salve !!!!mi chiamo luigi ho 24 anni.sono tremendamente affascinato dalla professione di barman,in particolare dal barman acrobatico.premetto che ho fatto sempre mestieri differenti dal barman.siccome dicembre scorso ho perso il lavoro,ho deciso di seguire questa passione.mi sono iscritto ad un corso di american bartender dove in 2 settimane mi hanno insegnato qualche movimento base di flair.in settimana ho un colloquio di lavoro presso una discoteca della mia città,e volevo sapere,secondo la vostra esperienza quali sono i cocktail fondamentali da conoscere.alcuni li stò imparando su internet,esercitandomi da solo a casa.spero che mi darete una risposta al più presto.grazie

  • Marco Soragni said:

    Ciao Luigi, rispondo volentieri al tuo quesito. Infatti il fascino del lavoro al bar, soprattutto se acrobatico, affascina molte persone , da entrambi i lati del banco. Vorrei permettermi di farti meditare su quello che scrivi tu stesso prima di darti una risposta:
    Mi hanno insegnato qualche movimento….. ;: quindi hai fatto un corso per barman, e presumo tu sia andato da dei barman professionisti e non al circo Orfei… e poi:
    quali sono i cocktail fondamentali da conoscere?’
    mmmhh. Come ben vedi vorrei essere io stesso a chiderti che genere di corsi hai fatto??
    Ma ora lascindo a te una valutazione , vengo alla tua richiesta. Sicuramente la conoscenza dei cocktails internazionali IBA (chiedi pure la lista se non sai quali sono) e i cocktails definiti “most popular”, quindi quelli di maggior tendenza sono le fondamenta per poter inserirti nel mondo del lavoro. Poi, visto che andrai a lavorare nella tua città sicuramente ci saranno alcune miscele dal nomignolo tanto curioso che ritengo opportuno tu debba conoscere.

    Spero di essere stato esaudiente, non esitare a ricontattarci per maggiori dettagli.
    marco

  • marco mancin said:

    ciao, ho una domanda un po mirata… dove posso trovare ricette per le puree di frutta da usare nei muddled o nei long drink? non riesco a trovarle… o qualche consiglio su drink con frutta fresca….. grazie

  • marco said:

    Ciao Marco, e grazie per averci contattat.
    Per quanto riguarda la tua domanda nello specifico, le puree di frutta altro non sono che frutta fresca frullata, con aggiunta di zucchero liquido eventualmente e un pò di acqua per poter fare in modo che non risulti troppo compatta e quindi difficile da versare nei bicchieri o in qualsiasi contenitore che devi usare per preparare il tuo drink. non esiste una ricetta vera e propria, a dire il vero molte volte lo zucchero o sciroppo lo si dosa in base al grado di maturazione della frutta fresca stessa. Ad esempio fragole dal gusto ancora un pò acerbo avranno bisogno di un goccio in più di zucchero o in questo caso potrai utilizzare lo sciroppo di fragola stesso che oltre ad addolcire la purea dona anche un colora vivace.
    Contattaci ancora se hai dubbi. Marco